Archivio Storico

Con notifica del Soprintendente archivistico per l’Emilia-Romagna del 23 agosto 2007, l’Archivio storico dell’ATER è stato dichiarato “di interesse storico particolarmente rilevante”, e come tale sottoposto alla disciplina del “Codice dei beni culturali e del paesaggio”.

La documentazione conservata riflette l’intensa attività dell’ATER e consta essenzialmente delle serie seguenti:

Statuti e relative modifiche, 1965-1999

Protocolli, 1972-2006

Corrispondenza, 1983-2006

Presidenza, 1996-2004

Direzione, 1967-2006

Consiglio Direttivo, 1975-2005

Consiglieri delegati e commissioni, 1966-1996

Assemblee, 1971-2005

Collegio sindacale, 1976-2005

Ufficio Stampa e comunicazione, 1973-2006

Seminari e convegni, 1983-1992

Osservatorio, 1987-2006

Miscellanea relativa alla storia dell’ATER, 1963-1991

Organizzazione e gestione scambi, 1967-2006

Prosa, 1957-1996

Musica, 1961-2006

Balletto, 1973-1992

Bilanci preventivi e conti consuntivi, 1967-2006

Libri matricola del personale, 1976-1986

Libri paga, 1974-1984

Contratti e scritture, 1989-2007

Formazione, 1989-2005

Il tutto per complessivi 2276 pezzi.

L’archivio comprende anche una serie di manifesti, nastri audio e ampex, fotografie e diapositive, video e compact disk.

Estremi cronologici: 1957-2007

Il complesso archivistivo è conservato dal 2010 presso l’Archivio Storico della Regione Emilia-Romagna, a San Giorgio di Piano (BO).

L’Archivio storico ATER è stato inserito nel progetto “Archivi@mo”, promosso nel 2007 dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, che intende valorizzare gli archivi storici di Modena e del suo territorio dei secoli XIX e XX, facilitandone l’accesso. Al progetto “Archivi@mo” concorrono:

Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici dell’Emilia-Romagna

Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna

Centro di documentazione Istituzione della Provincia di Modena